PRG - Il percorso

Tutte le tappe che il Nuovo Piano Regolatore Generale ha percorso per giungere all'approvazione definitiva. I passaggi procedurali (decisioni di giunta, osservazioni dei Municipi,controdeduzioni ecc.) e l'insieme delle iniziative che li hanno accompagnati (le presentazioni ai Municipi, alle Università ad Enti e associazioni).

Giugno 2002
La proposta di Nuovo Piano Regolatore Generale è stata approvata dalla Giunta comunale il 18 giugno A partire dal 18 giugno si è avviata una fase di presentazione e divulgazione del Piano che ha coinvolto tutti i Municipi nelle forme che gli stessi Municipi hanno prescelto: dalle riunioni di Giunta ai Consigli Municipali aperti al pubblico, da seminari su temi specifici -ambiente, mobilità, insediamenti residenziali e produttivi- con le specifiche commissioni ad assemblee municipali. Altri e numerosi incontri di presentazione e dibattito sul Nuovo Piano Regolatore generale sono stati svolti con enti e associazioni.

Ottobre 2002
Il termine fissato dal regolamento comunale per la presentazione dei pareri da parte dei Municipi sarebbe scaduto il 31 luglio del 2002, ma, accogliendo l'istanza presentata dai Municipi stessi il Consiglio Comunale ha deciso di accettare i pareri pervenuti anche successivamente (l'ultimo parere è pervenuto in data 26 ottobre). Su 19 Municipi, 12 Municipi hanno presentato parere positivo e 6 Municipi parere contrario (un Municipio, il II, non ha inviato alcun parere). Ogni parere è stato accompagnato da una serie di osservazioni.

Dicembre 2002
Nella seduta del 3 dicembre 2002 la Giunta Comunale ha modificato la decisione di Giunta n. 67 del 18 giugno 2002 apportando modifiche agli elaborati prescrittivi di Piano a seguito delle osservazioni presentate dai Municipi.

Marzo 2003
Il 19/20 marzo 2003 il Consiglio Comunale ha adottato il Piano Regolatore Generale con la Delibera n. 33 del 19/20 marzo 2003.

Luglio 2003
Dal 9 luglio 2003 la Delibera di Adozione del Piano con tutti gli allegati, pubblicata presso l'Albo Pretorio, è diventata esecutiva.

Settembre 2003
Pubblicazione. Ai sensi della Legge urbanistica il Piano adottato viene reso pubblico attraverso l'affissione all'Albo Pretorio, un avviso sui quattro principali quotidiani di Roma e mediante l'affissione di manifesti. Nel periodo dei trenta giorni successivi chiunque può prendere visione degli elaborati di piano depositati. Entro 60 giorni dalla pubblicazione, sono state presentate le osservazioni al Piano pubblicato. Le osservazioni -redatte in duplice copia su carte semplice- sono state consegnate entro il termine del 3 novembre 2003 al Protocollo del Dipartimento VI, in via del Turismo, 30/32 -Roma 00144 o spedite per raccomandata.

Dicembre 2003 - Dicembre 2005
Gli uffici hanno esaminato tutte le osservazioni pervenute e hanno risposto a ognuna di esse.

Marzo 2006
Il 21/22 marzo 2006 il Consiglio Comunale ha approvato la delibera di controdeduzioni alle osservazioni presentate dai cittadini. Il Piano controdedotto in Consiglio è così pronto per essere inviato alla Regione per l'approvazione definitiva.

Aprile 2006
Approvazione della legge che snellisce le procedure per l'approvazione del piano di Roma (art.66 bis L.R. 38/99).

Luglio 2007
Adozione del Piano Territoriale Paesistico Regionale, premessa per l'avvio del processo di copianificazione.

Settembre 2007
Il Sindaco di Roma convoca la Conferenza di Copianificazione.

Febbraio 2008
5 febbraio: approvazione dello schema di accordo Regione-Provincia-Comune da parte della Conferenza di Copianificazione.
6 febbraio: sigla dell'accordo Sindaco di Roma/Presidente Regione Lazio e proposta Delibera di ratifica e Approvazione in Giunta Comunale.
7 febbraio: dibattito nelle commissioni consiliari.
8 febbraio: Delibera di ratifica della Giunta Regionale.
11-12 febbraio: dibattito e approvazione da parte del Consiglio Comunale con Deliberazione n. 18 del 12.02.2008.

Marzo 2008
Con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio -avvenuta il 14 marzo 2008- il nuovo Piano Regolatore di Roma diventa vigente.