Progetto Urbano San lorenzoLa riqualificazione del quartiere San Lorenzo è parte integrante di una procedura più ampia corrispondente al Progetto Urbano “San Lorenzo – Circonvallazione Interna – Vallo Ferroviario”. Esso abbraccia un settore urbano molto vasto caratterizzato da una molteplicità di componenti storico-morfologiche e funzionali assai diverse tra loro; tra queste un ruolo significativo è assunto dalle grandi attrezzature di livello urbano e dal sistema delle infrastrutture per la mobilità (infrastrutture ferroviarie, sopraelevata di San Lorenzo e attraversamento del quartiere Appio). In relazione alle problematiche emergenti, alla caratterizzazione funzionale delle parti interessate e alla morfologia dei tessuti urbani, il Progetto Urbano è stato suddiviso in due ambiti di intervento:
- l’Ambito A che si incentra sullo studio del tracciato della Nuova Circonvallazione Interna con le conseguenti relazioni urbanistiche, funzionali e viabilistiche;
- l’Ambito B che interessa più nel dettaglio la riqualificazione del quartiere San Lorenzo.
Nel territorio interessato dall’ambito B del Progetto Urbano, il PRG individua 3 Ambiti di valorizzazione.
Due di tipo C (C10 “Via Tiburtina - Via de Lollis” e C11 “Verano-Via dei Reti”) caratterizzati da aree dismesse e insediamenti prevalentemente non residenziali.
Uno di tipo B (B7 “Scalo S.Lorenzo - Via dei Lucani-Via di Porta Labicana”) costituito da tessuti, edifici e spazi aperti, caratterizzato da incoerenze e squilibri di tipo morfologico e funzionale, nel quale operare con progetti di completamento/trasformazione in grado di conseguire nuove condizioni di qualità morfologico-ambientale, orientati al consolidamento/rilancio dell’uso residenziale.

In tutti gli Ambiti è consentito, tramite intervento indiretto, il recupero della superficie utile lorda (SUL) esistente con un possibile incremento fino al valore della superficie utile virtuale; tra le destinazioni d’uso sono ammesse, con differenti percentuali a seconda della tipologia dell’Ambito, le abitative, commerciali, servizi, turistico-ricettive, produttive ed una restante quota flessibile del 20%. L’attuazione è prevista tramite intervento indiretto nelle forme tradizionali degli strumenti urbanistici esecutivi, ma con la possibilità di utilizzare le procedure innovative del Programma Integrato e del Progetto Urbano.

Gli indirizzi generali per la riqualificazione del quartiere San Lorenzo mirano alla creazione di nuove polarità attraverso:
• la valorizzazione degli spazi aperti esistenti e di nuova previsione;
• l’attuazione degli ambiti di valorizzazione, favorendo la riorganizzazione dei nuclei artigianali anche in relazione al recupero delle aree ferroviarie inutilizzate e dismesse;
• il recupero dei tessuti residenziali del quartiere;
• la riconfigurazione e il completamento dei vuoti creati dai bombardamenti, realizzando nuove polarità e luoghi di relazione;
• l’integrazione e la valorizzazione del sistema storico, archeologico ed ambientale, con particolare attenzione alle Mura Aureliane, incrementando la dotazione di spazi pubblici e riqualificando i tessuti edificati a più diretto contatto.

Attività 2008-2013
• 2008: conclusione della fase di analisi e definizione degli obiettivi del PUSL;
• 2009: apertura della Casa della Partecipazione del Municipio III in via dei Sabelli;
• avvio della fase di consultazione preventiva e pubblicazione della documentazione informativa sul sito di Roma Capitale; Assemblea Partecipativa (novembre 2009);
• 2010: conclusione della fase di consultazione preventiva, redazione e successiva illustrazione del “Documento della Partecipazione” per l’assunzione delle decisioni propedeutiche alla redazione dello schema di assetto preliminare del P.U.;
• 2011: verifica dello stato di avanzamento della progettazione preliminare della Nuova Circonvallazione Interna (NCI) alla luce dei nuovi indirizzi emersi dal Piano Strategico della Mobilità Sostenibile (PSMS) data l’esigenza di definire l’assetto infrastrutturale di riferimento del sistema della mobilità, sia di livello urbano che locale, con particolare attenzione al tracciato della NCI, che condiziona in modo determinante il proseguimento della redazione del Progetto Urbano;
• 2012: riarticolazione degli incarichi in essere affidati a Risorse per Roma e a Roma Servizi per la Mobilità, per la revisione e la messa in coerenza degli esiti delle elaborazioni realizzate nel tempo (studi di fattibilità e progetti preliminari) con le nuove indicazioni del PSMS per la mobilità;
• 2013: acquisizione dalla U.O. Pianificazione Mobilità e Infrastrutture degli elaborati aggiornati e degli esiti dell’approfondimento degli aspetti urbanistici relativi al sistema infrastrutturale e agli Ambiti di valorizzazione compresi nell’ambito A del P.U.;
• 2009-2013: rapporti tecnico istituzionali con Municipi, Enti, associazioni, singoli cittadini connesse al Progetto Urbano ed alle problematiche relative al quartiere San Lorenzo attraverso incontri, manifestazioni pubbliche, eventi sia presso la casa della Partecipazione che presso altri luoghi istituzionali.

 

Attività 2013-2015

Nel 2013, in coerenza con gli atti di indirizzo del Sindaco (Deliberazione A.C. n. 66 del 18.7.2013), l’Assessore alla Trasformazione Urbana ha dato indicazioni per la ripresa delle attività relative alla predisposizione di uno schema di assetto preliminare del Progetto Urbano limitatamente all’ambito del quartiere San Lorenzo.
Si è considerato, cioè, un obiettivo prioritario la riqualificazione del quartiere, da realizzare attraverso la redazione di uno schema di assetto in grado di confrontarsi con i processi di trasformazione che, se non inseriti e coordinati in un disegno unitario, rischiano di alterare e modificare la struttura del quartiere, compromettendone i caratteri peculiari e più significativi.
Al tempo stesso si è cercato di individuare ed orientare le potenzialità trasformative, specie negli ambiti di valorizzazione presenti nel quartiere, per riqualificare aree irrisolte, con un disegno urbano che coniughi nuove funzioni, secondo il mix previsto dal PRG per gli ambiti, con la soluzione delle problematiche del quartiere (quali la dotazione di servizi e verde o la ricollocazione in strutture adeguate delle attività artigianali e produttive).
A partire dal mese di ottobre 2013 è stata riavviata la fase di partecipazione e consultazione preventiva, al fine di aggiornare quella realizzata nel 2010, con il diretto coinvolgimento del Municipio II.
L’aggiornamento della fase partecipativa sul Progetto Urbano San Lorenzo, iniziata con l’incontro preparatorio del 31 ottobre 2013, si è articolata in una serie incontri tematici e laboratori di quartiere, svolti presso la Casa della Partecipazione in via dei Sabelli.
Nel mese di dicembre 2014 l’Assessorato alla Trasformazione Urbana di Roma Capitale ha dato diffusione dell’avvio dell’aggiornamento della fase di consultazione preventiva tramite l'inserimento della notizia all'interno del portale Internet di Roma Capitale, allegando la documentazione contenente l’aggiornamento degli elaborati di analisi e delle sintesi valutative e, attraverso la convocazione dell'Assemblea pubblica che si è svolta il 12 gennaio 2015, è stato avviato il processo di consultazione.
La fase di consultazione si è conclusa il 6 marzo 2015 con l’invio di contributi, osservazioni e proposte, acquisiti dalla U.O. Città Storica e Ambiti di Tutela e Riqualificazione e riportate in sintesi nel Documento della partecipazione
(ultimo aggiornamento 30 maggio 2015)

 

Responsabile del Procedimento:
Arch. Giuseppe Lantieri

 

Vedi anche:
La nuova fase della partecipazione - 2014
Documento della partecipazione - 2015

 

torna all'inizio del contenuto